500c: la nostra prova su strada

Scritto da enver on lug 30, 2009 | 1 Commento

500C – SAPORE D’ESTATE! E’ stata un’emozione ricevere le chiavi di una fiammante 500 convertibile direttamente da Raffaele C. (Product Manager Fiat 500) per il test drive riservato a noi Cinquecentisti, prova durata ben quattro giorni.

Accompagnato dalla simpaticissima Kappagej (cuore Abarth) siamo saliti insieme a Raffaele e Giovanna N. (Sales Market) sulla 500c dell’ad di Fiat Lorenzo S. per essere accompagnati al ritiro della vettura in oggetto.

Dopo la foto di rito con la consegna delle chiavi (pubblicata sul blog FIATONTHEWEB) siamo partiti per la nostra prova.

La vettura in prova è una 1.3 mjt colore Nero Provocatore con capote Rossa, clima automatico, cerchi da 16″ esclusivi 500c, fendinebbia, pacchetto sicurezza ESP e sensori parcheggio.

Una volta saliti a bordo della 500c potete immaginare la prima cosa che ho fatto… aprire la bellissima e pratica capote rossa, operazione molto semplice grazie al tasto automatico che la fa aprire in 3 posizioni.

SKYDOME SEMI APERTO E TUTTO APERTO

A vettura tutta scoperta per aprire il bagagliaio si deve aspettare che la capote sia in posizione lunotto posteriore sollevato. Tutto questo avviene in modo automatico, basta sfiorare il comando (o da tasto chiave telecomando) sotto la grande maniglia posteriore. La capote si alza in modo automatico fino ad 1/3 del tetto ed un breve lampeggio delle frecce evidenziano lo sblocco serratura portellone (inseriremo il video).

Su strada a vettura aperta si riesce ad assaporare il profumo dell’estate e con la mente sei trasportato ai fantastici anni ‘60 con la tecnologia di oggi.

La vettura monta il brillante e poco assetato 1.3 mjt. Ha un comportamento sincero e prevedibile, in autostrada anche a velocita’ di crociera (130 km/h) con capote chiusa non si avvertono sibili e rumori, tutto risulta ben insonorizzato.

A vettura aperta e con il lunotto sollevato non si creano vortici d’aria all’interno dell’abitacolo, anche a velocità sostenute.

Il feeling di guida è molto buono anche se “strapazzata”, in curva l’inserimento è preciso (la vettura montava pneumatici da 16”) e non si avvertono saltellamenti al retrotreno anche se, come tutte le vetture scoperte, la rigidità torsionale è inferiore rispetto alla versione chiusa. Questo grazie all’adozione della nuova barra stabilizzatrice annegata nel ponte posteriore.

Unico difetto: la poca visibilità posteriore a capote completamente abbassata essendo questa appoggiata in alto sulla parte del portellone. Per questo motivo ci sono i sensori di parcheggio. Compromessa anche la visibilità interna a capote chiusa dovuta al massiccio montante posteriore destro.

A differenza dell’Abarth, a cui piaccono le curve impegnative e veloci, questa 500c va apprezzata sulle strade collinari che portano al mare o a quelle montane per godersi il panorama in completo relax, facendosi rapire dal fascino ,fermandosi ad ammirare il cielo stellato sopra di se magari in dolce compagnia.

Francesco
(Viper)

Foto gallery 1
Foto gallery 2
Presto altri contenuti!

Cosa ne pensi? Parliamone nella discussione dedicata alla prova su strada della 500c sul nostro forum.

Share

1 commento

  1. cescofede scrive:

    Bellissima……my dream…….

Lascia un commento

Devi effettuare il login per lasciare commenti.