Aperitivo solidale al FIAT Open Lounge

Scritto da Kine on feb 01, 2010 | Lascia un commento

Venerdì 5 Febbraio 2010 ore 19,30 è previsto un aperitivo solidale al FIAT Open Lounge di Milano.

Per l’evento si mobiliteranno le concessionarie Fiat di Milano e l’organizzazione Terre des Hommes con lo scopo di donare parte del ricavato della serata ai progetti di emergenza di Terre des Hommes a favore dei bambini di Port au Prince e Les Cayes (Haiti).

Qui trovate info sull’evento e potete già mettervi in lista attraverso il nostro Forum. Durante la serata, inoltre, saranno vendute 100 felpe esclusive e numerate, firmate FIAT Open Lounge il cui incasso sarà devoluto in beneficenza.

Non è la prima volta che Fiat organizza un’iniziativa benefica, infatti possiamo ricordare, tra le più recenti, la Fiat 500 Barbie per Save the Children.

Leggete tutto l’articolo per vedere le foto delle felpe in vendita durante la serata benefica e la storia di un bambino Haitiano.

IL SORRISO DI RONALD
Port au Prince, 27 gennaio :  Se ne stava lì, solo soletto, tra le macerie della scuola di Notre Dame des Victoires, testa china, quaderno aperto tutto assorto nella lettura. Mentre intorno a me si radunava una frotta di bambini curiosi per “le blanc” che si aggirava con la sua maglietta arancione e con la sua macchina fotografica sempre a portata di mano, lui sembrava neanche essersi accorto di me e del baccano che stavo suscitando.

La tentazione di scattargli una foto però era troppo forte. Quel bambino, solo in un cortile dove fiorivano ormai solo mattoni, pezzi di ferro e polvere, con quel suo quaderno in mano sembrava rappresentare tutto quello per cui ero venuto qui: ridare una speranza, ricostruire, partendo dall’educazione e dalla tenacia di questi piccoli bambini capaci di ridere anche a pochi giorni dal terremoto che sembra avergli tolto tutto, per sempre.

Allora mi sono avvicinato, ho preso la mia macchina fotografica e ho scattato… ma lui se ne stava ancora lì, serissimo, imperturbabile alla presenza di questo intruso che cercava di distoglierlo dalla sua preziosa lettura. Ma secondo me si stava dicendo “io la soddisfazione di guardarlo mica gliela do…”

Caro il mio dottorino ho pensato fra me e me, adesso vediamo chi dei due la spunta… Mi guardo attorno, ci penso su un attimo e poi, scherzando, gli dico ad alta voce…”hallo, monsieur le professeur, professeur, qui, vous… regardez moi”. Ed eccolo lì, il suo sorriso prima, e poi la sua risata, bellissima, dolcissima, piena di fede nel futuro.

Ronald, così si chiama il ragazzino, ha 10 anni, due genitori, ed è uno dei 500 bambini che frequentavano la scuola di Suor Veronique e che adesso vive nel piccolo accampamento del cortile antistante l’orfanotrofio. Ha perso tutto, ma non la fiducia nell’avvenire. Per lui e per gli altri bambini come lui la speranza è Terre des Hommes e la scuola che ricostruiremo, più bella e più solida di prima. Non ti deluderemo, vedrai.

Scritto e vissuto da Paolo Ferrara
Terre des Hommes ad Haiti

Share

Lascia un commento

Devi effettuare il login per lasciare commenti.