Fiat 500 premiata per la sicurezza in USA

Scritto da Bobby on ott 19, 2011 | 3 Commenti

L’Insurance Institute for Highway Safety (IIHS), l’istituto americano finanziato da alcune compagnie assicurative USA, con l’intento di migliorare la sicurezza stradale, ha testato la Fiat 500 dopo le modifiche approntate dalla casa italiana nel luglio 2011.

La piccola di casa Fiat, visti gli ottimi risultati ottenuti nelle prove frontale, laterale, resistenza del tetto e tamponamento, unito alla presenza di serie del sistema ESC, si è aggiudicata il premio di auto più sicura nella sua categoria, insieme alla Ford Fiesta.

Nello specifico, per quanto riguarda l’impatto frontale, che avviene alla velocità di 64 Km/h, con il 40% del frontale che sbatte contro una barriera deformabile,  risultano ancora da migliorare un piccolo rischio per la testa, che sbatte di poco contro il volante ed un rischio per la gamba destra del guidatore. La 500, ottiene il giudizio globale “buono”.

L’impatto laterale, che avviene ad una velocità di 50 Km/h, contro un carrello del peso di 1.500 Kg, trova l’unico punto debole nella protezione del bacino del guidatore, le lesioni sono comunque di media intensità. La 500, ottiene il giudizio globale “buono”.

Nel test di schiacciamento del tetto, che valuta la protezione dell’abitacolo in caso di ribaltamento, la 500 resiste per ben 6,16 volte il proprio peso. Questo valore la porta ai vertici della categoria, superando il coefficiente di 5,42 della Ford Fiesta, regina uscente del test.

Nel test sulla protezione del colpo di frusta, il sedile della piccola Fiat si comporta egregiamente. Anche in questo caso, il giudizio globale è “buono”.

Share

3 commenti

  1. andrearhq scrive:

    Si bellissimo ma quella porta che si apre è normale?

  2. tri 46 scrive:

    ai x)

  3. Mirco scrive:

    Il massimo punteggio con la portiera che si apre a una velocità d’impatto tutto sommato modesta … MAH! .

    E questa è quella Americana che è molto piu’ resistenta della 500 Italiana .

    AZZZ .

Lascia un commento

Devi effettuare il login per lasciare commenti.