GPL e low cost: il punto sul futuro Fiat

Scritto da on dic 04, 2008 | Lascia un commento


Due interviste separate, rilasciate da differenti membri del management – uno parla della prossima capillare introduzione del GPL in gamma, l’altro del futuro modello low cos –, veicolano un solo concetto: Fiat affronta a viso aperto la crisi, andando incontro ai propri acquirenti con mirate politiche commerciali.

Nel 2009 il nostro brand – esordisce Lorenzo Sistino, amministratore delegato del gruppo torinese – punterà a consolidare la propria quota di mercato entro i confini nazionali e crescere all’estero: in questo periodo è deleterio avanzare proclami, magari disattesi od illusori, ma con l’introduzione della 500 cabriolet in primavera e la progressiva presentazioni delle Panda, Grande Punto e Bravo a Gpl avremo nuove frecce nella nostra faretra.

Vertono su tutt’altro argomento le dichiarazioni di Luca De Meo, responsabile marketing: lanciare una vettura a basso costo – spiega – potrebbe rivelarsi la soluzione adatta per combattere il calo delle vendite innescato dalla crisi. L’aspetto più interessante, però, va ricercato nel territorio da “colonizzare”: non solo paesi emergenti o dell’est, ma lo stesso mercato continentale.

Fonte: AutoBlog
http://www.autoblog.it/post/17011/gpl-e-low-cost-il-punto-sul-futuro-fiat

Fiat/ Ricetta anticrisi? Gpl su tutta la gamma
Sistino: “Nessuna previsione 2009, serve flessibilità e reazione”

Bologna, 3 dic. (Apcom) – Gli effetti della crisi economica finanziaria mondiale? Sono imprevedibili, ma per Fiat è necessario “reagire in fretta e con flessibilità”. Per questo dal prossimo anno la casa automobilistica di Torino garantirà l’impianto gpl su tutta la gamma. Lo rende noto l’amministratore delegato Fiat Automobiles, Lorenzo Sistino, dal salone dell’automobilismo Motor Show di Bologna.

“Per il prossimo anno – spiega Sistino – il trend Fiat ha l’obiettivo di far crescere ancora la propria quota in Italia e all’estero. In questa situazione è molto difficile fare previsioni: decisiva sarà la flessibilità e la capacità di reagire con immediatezza ai trend della domanda. Avremo importanti novità di prodotto: da un lato presenteremo l’attesissima 500 convertibile, dall’altro continueremo la politica dei lanci ‘ecologici’, in febbraio presenteremo la gamma completa di Bravo, Grande Punto e Panda bi-fuel nelle versioni gpl”. Il mercato gpl, infatti, pesa attualmente tra il 3 e il 3,5% ed è in costante crescita. “Fiat – continua l’ad – entrerà in questo settore offrendo un impianto progettato, fabbricato e garantito dalla casa madre anche sulla base dell’esperienza fatta con il metano”.

Nel corso della conferenza stampa alla fiera di Bologna Sistino ha confermato i lavori in corso: “Non faccio previsioni per il 2009. Dovremo tenere le quote del 2008. In Italia quest’anno abbiamo guadagnato un punto in percentuale mentre in alcuni Paesi europei hanno fatto oltre il 25%; dobbiamo consolidare questi risultati e poi ben venga se ci sarà qualcosa in più. La crisi è un fatto che non si può trascurare, per questo ogni progetto viene rianalizzato e ristudiato”.

Fonte: Virgilio Notizie
http://notizie.alice.it/notizie/economia/2008/12_dicembre/03/fiat_ricetta_anticrisi_gpl_su_tutta_la_gamma,17089186.html

Capo di Fiat Powertrain Technologies, Alfredo Altavilla, ha stabilito i dettagli della sua società i piani per il 2009, che rivelano una frenetica calendario e il debutto di una serie di nuovi sviluppi. In un’intervista con quotidiano italiano Corriere della Sera, Altavilla ha rivelato che l’anno prossimo sarà uno eccezionalmente occupato uno per FPT, che lancerà sul mercato una doppia frizione-trasmissione, la sua nuova ‘MULTIAIR’ azionamento idraulico valvola di tecnologia, e un nuovo tipo iniettore del gasolio, al doppiaggio ‘Multijet 2?. Un recente sviluppato due cilindri, 900cc motore a benzina seguirà nel 2010.

Questo nuovo motopropulsore, doppiato SGE (Small Gasoline Engine), è prevista per il primo di una nuova famiglia modulare costruito attorno al singolo cilindro 450cc unità. Per essere offerto in tre forme – naturalmente-aspirazione, turbocompressi, e un flex-carburanti ‘Natural Power’ versione progettato per funzionare a gas naturale compresso (GNC) – è fissato a sostituire la natura aspirazione varianti di lungo servizio FUOCO famiglia, che è attualmente fabbricati in 1.1, 1.2 e 1.4 litro di capacità. Il nuovo SGE 900cc bi-cilindri sarà inizialmente offerto con una gamma di quattro uscite di potenza – 65, 80, 90, e 105bhp. Successivamente, la Fiat sarà anche offerta l’opzione di un idrogeno, metano e gas compresso soluzione, simile a quello visto nel Panda Aria concept-car. Altavilla ha detto che altri produttori hanno chiesto in merito alla disponibilità del motore, ma non ha fornito dettagli specifici.

Impostare infine a colpire il mercato del prossimo anno, MULTIAIR azionamento idraulico valvola di tecnologia è in continuo sviluppo da parte della Fiat per molti anni. La casa automobilistica italiana è il solo a perseguire questa tecnologia, che offre la possibilità di continuo la valvola di regolazione e quindi la massima efficienza. Altavilla ha già detto che i motori dotati di MULTIAIR offerta fino al 20 per cento più di coppia, inferiore a giri, al contrario di un tradizionale sistema meccanico.

Egli ha anche confermato che la nuova tecnologia MULTIAIR il debutto sarebbe stato visto in merito alla sostituzione per l’Alfa Romeo 147, Progetto 940, che farà la sua prima mondiale a Francoforte IAA. Il sistema debutto sul gruppo del 1,4 FUOCO T-Jet motore, prima di diffondere a tutti i gruppo Fiat i motori a benzina. Questi includono la SGE, in cui essa contribuirà a ridurre le emissioni di CO2 al di sotto di 100g/km.

Il nuovo due cilindri è specificamente progettato per ridurre al minimo l’impatto ambientale. Progettato per A-e B-segmento auto, si troverà il modo nel 500, Topolino, Grande Punto, la prossima generazione di nuove Panda e Lancia Ypsilon, così come il basso costo autovetture in fase di sviluppo da parte di Fiat in Brasile. Inoltre, è dotato di uno spazio di risparmio integrato collettore di aspirazione, in previsione di una futura versione ibrida.

Inoltre, Fiat Powertrain sta lavorando anche su ampliando le sue applicazioni di stop-start tecnologia. Secondo Altavilla nel colloquio, la tecnologia riduce le emissioni da una media di 3 al 4 per cento, con una riduzione del consumo di carburante fino al 15 per cento di guida in città.

Nel frattempo, sul lato del gasolio l’equazione, FPT è stato busily in via di sviluppo il prossimo salto in avanti del petrolio-che brucia la tecnologia, Multijet 2, in combinato disposto con Bosch. Altavilla dice che Multijet 2 segnerà un grande salto in avanti, in termini di portata equivalente a quella della introduzione originale di comune-rotaia su Alfa 156 JTD nel 1997. A differenza in tale occasione, tuttavia, egli dice che la Fiat intende appendere al brevetto per questa ultima generazione della tecnologia. Egli osserva che offre prestazioni in particolare le emissioni e, soprattutto, a bassa coppia riv. Come MULTIAIR con motori a benzina, 2 Multijet troverà il suo modo su ogni diesel costruito da FPT. Dire che arriveranno nel corso degli ultimi terzo dell’anno, Altavilla suggerisce che il 90 per cento di tutti i motori diesel di utilizzare la tecnologia all’interno di un decennio.

Fonte: Cinquecentisti.com (Bobby)

Share

Lascia un commento

Devi effettuare il login per lasciare commenti.