La 500 è pronta allo sbarco negli USA

Scritto da Cinquecentisti on apr 02, 2010 | 6 Commenti

Era la metà del 2009, quando da Mirafiori arrivò la notizia: alleanza con Chrysler.

Chrysler è uno dei simboli dell’automobile americana; la sede principale è a Detroit (più precisamente Auburn Hills, 30km a nord di Detroit), ed è un car-maker di cui qui in Italia conosciamo poche vetture (Voyager o PT Cruiser per esempio), ma che in America ha sotto di sé anche Dodge, Jeep e RAM, quindi sforna la sportivissima Viper, il robusto Jeep Wrangler o quei pick-up stile Walker Texas Ranger, avete presente?.

La crisi nera di Chrysler è quindi l’occasione giusta per tornare a vendere negli USA, dopo qualche anno di pausa, la Fiat, che era conosciuta per la poca affidabilità, ed era ricordata per l’acronimo “Fix it Again, Tony” (riparala di nuovo, Tony!)…

La vettura designata per lo sbarco è il nostro gioiellino, il simbolo della rinascita Fiat, la 500! E’ stato messo in piedi un team di ingegneri, per seguire in un anno e mezzo tutto lo sviluppo vettura: motore, scocca, interni, elettrica, elettronica, etc… e finalmente sono partiti i lavori!

L’obiettivo è ambizioso: inizio produzione a Dicembre 2010, lancio commerciale a Gennaio 2011 ed il sito produttivo designato è Toluca, cittadina a 2600 metri di altitudine nei pressi di Città del Messico (sede di uno degli stabilimenti Chrysler). La prima ad essere lanciata sul mercato, sarà la 500 tradizionale, poi dopo qualche mese saranno in vendita anche 500C e Abarth, infine si venderà anche in Sud America. 500 alla conquista del Nuovo Continente!

Moltissime le modifiche che saranno apportate: telaio rinforzato per soddisfare le normative USA, motore e scocca molto più insonorizzati, più potenza (i 105hp del MultiAir, non Turbo), niente Stop&Start, che agli americani non piace e airbag maggiorati, perché negli USA non vige l’obbligo delle cinture di sicurezza! La vettura dovrà essere adatta a tutti i tipi di mercato, perché dovrà essere venduta su territori dove si raggiungono i 50°C, come ad esempio Phoenix in Arizona ed i -30°C di alcune zone del North Dakota o del Canada. Il target consumi sarà di 35 miglia per gallone (circa 15km con un litro).

La 500 destinata al mercato statunitense sarà dotata di un cambio automatico Aisin a 6 rapporti, con convertitore di coppia.

Ce la faranno a fare tutto questo? Fate il tifo ragazzi, perché se ci riusciranno, un altro simbolo italiano sarà presente in America!

Il prezzo? C’è ancora stretto riserbo, ma considerando il trend del segmento ed il paragone Europa-USA dei prezzi delle vetture, il costo finale si attesterà sui 15000$ (circa 12000€).

E’ l’occasione per un sondaggio: voi Cinquecentisti come la vedete questa apertura di Fiat oltreoceano?

Long live Fiat!

————————————————–

Articolo a cura di AtomicBomberman

Share

6 commenti

  1. paolotr scrive:

    credo che ne venderanno tante di 500 perchè non esiste persona al mondo a cui non piace!

  2. zeppelin scrive:

    telaio rinforzato, insonorizzato, airbag mooolto più grandi… tutto per soddisfare le normative sulla sicurezza…. e poi non c’è l’obbligo della cintura di sicurezza…. l’america è un vero controsenso….

  3. Tinto Brass scrive:

    ne venderanno molto di più che in tutta europa..!e poi parliamoci chiaro..in america costa pochissimo ed molto meglio di quelle per il nostro mercato..visto le sostanziose modifiche!
    P.S. conviene comprarla americana la500e non più qua in italia!

  4. Spoiler scrive:

    Il cambio automatico con convertire di coppia è una vera schifezza e pure antiquato…contenti loro…

  5. AtomicBomberman scrive:

    Le attese sono circa 70000 vetture all’anno tra USA e Canada! Anche io penso che ne venderanno un bel po’.
    Dai primi feedback, le 500 che sono state portate per prova in giro per le strade hanno suscitato nella gente curiosità e domande del tipo “Ma quando esce? La voglio!”…

  6. valeriorizzo88 scrive:

    negli USA il made in italy è simbolo di perfezione. L’amerano più di molti italiani.

Lascia un commento

Devi effettuare il login per lasciare commenti.