Nel 2009 ci sarà l’esordio della Fiat 500 Cabrio

Scritto da on dic 18, 2008 | Lascia un commento

La conferma arriva da Montezemolo

Un nuovo importante sponsor per la Ferrari nella prossima stagione di Formula 1 allontana qualsiasi spettro della crisi. Il gruppo indiano Tata, già partner di Fiat in vari progetti tra Europa e India, ha infatti siglato l’accordo di partnership con la Scuderia di Maranello e rafforza il convincimento di Luca di Montezemolo che, alla fine, la crisi non peserà sul mercato del lusso e sul business di Ferrari. “Negli anni 70 Enzo Ferrari mi diceva che 1.500 “pazzi” che compravano una Ferrari, crisi o non crisi, li avremmo trovati sempre – ha detto ieri Montezemolo in occasione dei tradizionali auguri natalizi -. Credo che, adeguando i numeri, 6.000 “pazzi” continueremo a trovarli”. E dire che negli anni 70 le crisi furono spaventose: i due shock petroliferi che videro l’Italia sperimentare le domeniche a piedi, le prime targhe alterne alla circolazione e i cinema chiudevano per legge alle 23.



La crisi, semmai, si farà sentire nel mass-market, che per il settore auto significa la maggior parte dei prodotti in circolazione e quasi tutti quelli che produce il gruppo Fiat, sempre guidato da Luca di Montezemolo. Il quale ha però confermato che a metà 2009 esordirà la 500 Cabrio, mentre qualche ritardo potrebbe scontare l’Alfa 149, la nuovissima 5 porte premium di segmento C che prenderà il posto della 147. Staremo a vedere, costi alla mano valutati mese per mese se è vero che il Presidente del gruppo Fiat ha accolto come una liberazione la nuova regola della FIA dei tre Granpremi disputabili con un singolo motore. “Puntavano al 2010, invece è nel 2009 che la crisi avrà i suoi effetti – ha detto Montezemolo -. Qui a Maranello, in luglio, c’è stata la prima riunione di tutti i team che hanno dato vita alla Fota. C’è un bel clima, di unità. Abbiamo ottenuto questo risparmio sui motori, un 50%, già il prossimo anno. E dal 2012, col nostro piano, il 50% di risparmio riguarderà l’intero budget”.

Contrarissimo all’ipotesi del motore unico (davvero balzana in uno sport che ha la competizione nel DNA), Montezemolo ha anche detto che, se fosse passata questa proposta, almeno 4 team avrebbero abbandonato la Formula 1, e quanto sta accadendo nel Mondiale Rally (con le defezioni di Suzuki e Subaru per il 2009) ne è la prova concreta. Meglio investire nelle nuove tecnologie, anche se costose, come il “Kers”, vale a dire il sistema di frenata che consente il recupero di energia, che sarà obbligatorio dal prossimo anno in F1. Una stagione per la quale invita tutti a puntare su Felipe Massa.

Fonte: TGCOM
http://www.tgcom.mediaset.it/autoemoto/html/tgcom_am_1832.htm

Share

Lascia un commento

Devi effettuare il login per lasciare commenti.